Banner

Competitività dell’industria solare della UE

L’industria manifatturiera europea del fotovoltaico solare è un settore fortemente innovativo e competitivo che ha il dovere di rimanere in Europa. Grazie agli elevati livelli di automazione del processo di produzione, i costi di produzione in Europa sono competitivi a livello mondiale. I costi di manodopera di alcune aziende produttrici europee sono inferiori al 10% di tutti i costi di produzione. Produrre il solare fotovoltaico in paesi con basso costo del lavoro, come la Cina, non è un’alternativa attraente, in quanto normalmente la produzione non risulterebbe più economica. Al contrario, secondo un’analisi condotta nel mercato americano dallo US National Renewable Energy Laboratory, le aziende produttrici cinesi hanno un vantaggio in termini di costi pari solo all’1-2% rispetto a quelle americane. Aggiungendo i costi di spedizione, lo svantaggio in termini di costi per le aziende cinesi corrisponde al 5%. Data la distanza e la complessità del trasporto previsto, è plausibile sostenere che la Cina operi con questo svantaggio anche in Europa.



Fonte: www.nrel.gov


Ricerca e sviluppo per un migliore rendimento e qualità

La maggior parte delle tecnologie sul solare adottate nel mondo ha avuto origine in Europa. I principali gruppi di ricerca operano nell’Unione Europea e grazie alla pluriennale stretta collaborazione con il settore del fotovoltaico solare, le aziende produttrici europee conservano la leadership tecnologica sul resto del mondo. I prodotti per il fotovoltaico solare devono avere una durata di almeno 25 anni e continuare a produrre elettricità anche nelle peggiori condizioni meteo, condizioni che sono alla base del motivo per cui la qualità è così importante per tali prodotti.

In molti altri prodotti industriali, l’innovazione implica l’introduzione di nuovo software o l’aggiunta manuale di nuovi componenti. Nel settore del fotovoltaico solare, la sfida principale consiste nello sviluppare il know-how sulle tecniche di lavorazione che permetterebbero la produzione di wafer ancora più sottili, riducendo la quantità di silicio richiesto e aumentando il livello di conduttività. In Europa, l’innovazione progredisce grazie ai livelli di automazione elevati che limitano il rischio di errore umano e la contaminazione dei prodotti con polvere o altre particelle dannose. Le aziende produttrici europee hanno sviluppato negli anni l’esperienza necessaria per applicare gli standard di produzione più elevati nel settore, rendendo la produzione europea così efficiente e competitiva a livello mondiale.